Focus

Mission

redazione

archivio

Osservatorio nazionale sul diritto di famiglia

  • Focus

    Aggiornamenti, eventi, iniziative, etc.

  • Affido condiviso

  • 10 buoni motivi per scegliere la negoziazione assistita per risolvere le crisi familiari e non solo

    1) si è protagonisti in prima persona di ciò che si negozia; 2) si tratta con lealtà e buona fede; 3) si evita il contenzioso in tribunale; 4) costa meno; 5) si usufruisce di incentivi fiscali; 6) le parti neppure compaiono in tribunale; 7) è la procedura più rapida in assoluto; 8) delle questioni burocratiche si occupano interamente gli avvocati; 9) si può essere aiutati da un facilitatore della comunicazione; 10) l'accordo che si raggiunge può prevedere già i correttivi o le modifiche necessari in futuro.

    per info: 0104552303 - fossati@avvocatidifamiglia.net

  • Divorzio

  • Procedura

  • Olga Anastasi ci parla del Gruppo Italiano di Pratica Collaborativa

  • L'avvocato, il conflitto e le emozioni

    In questo periodo si continua a parlare di prevenzione del conflitto; per lavorare in prevenzione è necessario comprendere quali siano i molteplici elementi che costituiscono le radici delle dinamiche conflittuali; quindi oggi vi parlerò di emozioni.

     

  • negoziazione assistita e pratica collaborativa

  • Conscious Contracts. Un nuovo approccio possibile?

  • Tutela del minore

  • Focus sul futuro. Maria Claudia Perego

    Con la morte di un parente o di un amico si apre quella che viene chiamata “la sua successione”. Parlare di successioni significa dunque toccare un argomento che, prima o poi, coinvolge le vite di tutti.

    E’ altrettanto parte dell’esperienza comune come in queste occasioni sia facile e frequente la nascita di situazioni di grande conflitto.

    Il campo delle liti successorie è complesso ed elementi emotivi, relazionali e giuridici si intersecano formando spesso un gomitolo inestricabile.

    Tali controversie hanno, in molti casi, un’origine ben più profonda delle pretese fondate su ragioni di diritto, poiché il lato umano del conflitto ha un ruolo preponderante in questi casi.

    E’ chiaro come sia importante integrare fattori relazionali e umani con elementi tecnico giuridici, così che partendo da una controversia, in apparenza, solo legale sia possibile arrivare alla soluzione del ben più ampio conflitto sottostante.